Seguici su:

Esplora contenuti correlati

News

Truffa dei falsi sordomuti

Si fingono sordomuti per raccogliere fondi per la costruzione di un “centro internazionale per bambini poveri”: tentativo di truffa in centro a Caorle. La Polizia Locale ha sanzionato 19 cittadini rumeni per violazione alle norme del Regolamento Comunale di Polizia Urbana, mentre altri 4 sono stati denunciati per accattonaggio molesto.

A dire dei truffatori, che si fingevano sordomuti, i fondi raccolti sarebbero stati destinati all’apertura di un centro internazionale dedicato all’assistenza di persone non udenti, disabili e bambini poveri. E con questa scusa, 19 cittadini, fra cui alcuni minori, tutti originari della Romania, sono stati fermati dagli agenti della Polizia Locale durante i mesi di giugno e luglio. A sedici di loro è stato stata contestata la violazione all’art. 55 del Regolamento Comunale di sicurezza e polizia urbana, che vieta la raccolta non autorizzata di firme, mentre altri quattro sono stati denunciati all’A.G. ai sensi dell’art. 669 bis del C.P. per accattonaggio molesto; per tutti è scattato il provvedimento di allontanamento per 48 ore dalla città (DASPO URBANO).
Durante i controlli da parte degli agenti della Polizia Locale, molti dei quali effettuati in borghese per beneficiare dell’effetto sorpresa, è stato sequestrato il denaro unitamente alle cartelline contenenti i moduli che, per risultare più credibili, i truffatori facevano sottoscrivere ai cittadini di buon cuore, favorevoli allo scopo benefico presentato e pertanto disposti a donare i propri soldi. I fogli utilizzati, in lingua italiana e tedesca, riportanti il marchio di una fantomatica associazione chiamata “HANDICAP INTERNATIONAL”, prevedevano la compilazione di alcune colonne con l'indicazione dell'importo della donazione, della città, del codice di avviamento postale e della firma della vittima del raggiro.
Fondamentale per la riuscita dell’operazione di polizia è stata la collaborazione di alcuni commercianti del centro storico che prontamente segnalavano la presenza dei truffatori al Comando, consentendo l’intervento tempestivo degli agenti con la conseguente interruzione delle attività illecite in atto. Già nell’estate dello scorso anno la cooperazione degli esercenti era stata fondamentale per riuscire a smascherare alcuni malintenzionati che con simili modalità erano riusciti ad ingannare altre persone.
La Polizia Locale invita, quindi, a mantenere alta l'attenzione nei confronti di questo tipo di truffa e sollecita, ancora una volta, i cittadini a segnalare prontamente al proprio Comando o alle altre Forze di Polizia i soggetti sospetti, nonchè a denunciare i casi di truffa.

Data creazione: 02-08-2021 | Data ultima modifica: 02-08-2021

<< <  ... 484950515253545556 ...  > >>